Cosmopolitismo

Perché in WICKE la collaborazione di persone di tutte le età, lingue, colori della pelle, sfondi internazionali e credenze religiose è una questione di tutti i giorni. I pregiudizi non giocano un ruolo, ma tutti coloro che realizzano il proprio lavoro hanno una possibilità. Quasi il 60% dei nostri dipendenti ha un background migratorio e proviene da più di dieci paesi diversi. La nostra rivista per i dipendenti e l’open house regolare sono il riflesso di questa cultura aziendale.

I nostri dipendenti confermano che siamo sulla strada giusta con un accordo di oltre il 70% in un sondaggio tra i dipendenti.

Questo viene confermato ancora e ancora una volta di persona:

Ibrahim C., impiegato turco, produzione di poliuretano:

Lavoro alla WICKE dal 2011. Ero disoccupato durante la crisi economica.

Mio padre aveva sentito dire che lavorare alla WICKE era buono Ho fatto domanda e oggi anche mio fratello lavora qui.

Più voci sulle opportunità di sviluppo:

“Per WICKE, è la performance e la persona che conta, indipendentemente dal suo background”.

“Siamo un’azienda internazionale: Si tratta di performance, non di origine!”.

“Chi dà una mano è anche il benvenuto”.